Da Candy ospite su Wiki Mix

Da Candy è una produttrice, cantante e autrice. Nata a Kiev, ha iniziato a fare la DJ nel 2011 utilizzando due Technics MK2. Nel 2015 ha pubblicato i suoi primi dur singoli “Love Me Loud” e “Rock It“. Da allora ha raggiunto grande popolarità e riconoscimento grazie ai suoi video su Youtube in cui mixa con quattro CDJ. Si è esibita nei migliori locali di tutto il pianeta e ha preso parte agli eventi più importanti e influenti nella scena della musica dance elettronica con oltre 50.000 presenze, come: Jimmys Monaco, High Club Nice, Loft Paris, La Plage Bordeaux, BOA Dubai, Mint Shanghai, Starclub China, Duplex Praga, Cavalli Milano, NRG 2000 Polonia, TM Club Portugal e Numberone. Di recente Da Candy ha prodotto “Runaway” in collaborazione con Narhianel raggiungendo 160.000 plays su Spotify e “King Without A Crown” con l’artista italiano Luca Rezza e Lil Eddie. Il 20 Settembre 2019 ha rilasciato il nuovo singolo “Make Out”.

BUON ASCOLTO!

Segui DA CANDY
INSTAGRAM
FACEBOOK

DJ Lauren torna con il singolo “Havana Vibes” su Strakton Records

Gio Laurenti in arte DJ Lauren fa il suo debutto assoluto su Strakton Records con un’esplosione latin house e anticipa tutti, portando una ventata estiva in largo anticipo!

Pronti per ballare?!

Havana Vibes è il titolo del suo nuovo singolo in uscita oggi su tutti i digital store e come sempre la scelta del sound non risulta essere mai scontata, grazie alle presenza di sonorità fresche e piacevoli da ascoltare, sia per la sua linea melodica, che per il giusto vocal del cantante DeHermes.

Che sia solo una delle prime collaborazioni tra DJ Lauren e DeHermes?! Lo scopriremo!

DJ LAUREN

“Havana Vibes” è uno dei primi singoli al mondo ad avere una variazione di Bpm nella stessa traccia originale, come se DJ Lauren avesse voluto dividere e poi unire il brano in due parti, con le medesime sonorità, ma facendo vivere all’ascoltatore un viaggio emozionale che passa dalla situazione Club nel ritornello, alla parte pop/radio cantata nella strofa centrale.

Segui DJ LAUREN
INSTAGRAM
FACEBOOK

A tu per tu con la dj più amata dalla scena LGBTQ – INTERVISTA A MILLA DE LA SOUL

Senza filtri, Milla De La Soul, una delle deejay più richieste e amate dalla scena LGBTQ italiana, internazionale e non solo, ha risposto a qualche domanda in merito al suo percorso artistico, al rapporto con Le Strulle, trio di cui fa parte da sempre e tutte le migliori avventure trascorse ad oggi.

Buona lettura!

Ciao Milla, benvenuta su andre1blog! Tre aggettivi per descrivere al meglio il tuo progetto artistico?
Ciao! Direi “sfacciato”, perchè non mi sono mai curata più di tanto dei limiti musicali dettati dalle mode. “Impetuoso”, in quanto cerco di trasmettere la forza incontrollabile che provo in consolle. “Emancipato”, perchè vivo come se fossi un’amazzone.

 Sei ormai una delle deejay più richieste nella scena LGBTQ italiana, internazionale e non solo. Ma tornando al 2007, dopo aver fatto parte di rock bands come bassista, decidi di intraprendere il tuo percorso da DJ. In che modo ti sei avvicinata al mondo della notte? Quando ha deciso di approcciarti alla consolle?
Quando mi sono resa conto del fatto che non avrei avuto l’autostima necessaria per diventare una rock star. Da dj invece, sono più a mio agio. Forse perchè la consolle pone la distanza necessaria tra me e il pubblico, per farmi dimenticare le insicurezze e concentrarmi sulla musica. Un musicista sta lì, nudo. La consolle in qualche modo ti “veste” di tante cose.

Dodici anni dalla nascita del trio Strulle di cui fai parte. Dal Cocoricó di Riccione al Girlie Circuit di Barcellona, in consolle con alle spalle oltre 1500 party e suonato con i più grandi al mondo della scena Edm tra cui Afrojack, Martin Garrix, Axwell, Ingrosso per citarne alcuni. Che compagne di viaggio sono Rrose e T ? Iniziando nel 2007 con i primi party friendly a Ferrara, avete raggiunto traguardi importantissimi ad oggi. Qual era inizialmente il vostro obiettivo e qual è stato il primo Pride a cui avete partecipato come ospiti?
L’obiettivo del 2007 era lo stesso di oggi: essere un riferimento per la comunità lesbica. Dare visibilità. E portare la nostra idea di clubbing, che vede le donne al comando.
Ti posso assicurare che è un altro pianeta rispetto alle classiche discoteche. Abbiamo gusti musicali che variano dal rock, ai latini, passando per la techno e la goa.
E soprattutto ci mettiamo la minigonna e i tacchi, solo se ci va, non perchè deve essere così.
Il primo pride come ospiti fu a Bologna nel 2012.
Non ci esibimmo durante la parata, ma alla festa ufficiale al Pala Nord, un posto immenso. C’erano 10000 persone in pista.

Quanto è importante rappresentare la comunità LGBTQ nel mondo del djing?
Siamo in pochi a farlo dichiaratamente con i media e sui social. È fondamentale, perchè i giovani ci guardano ed hanno bisogno di sapere che possono vivere la loro vita come meglio credono. E non solo in discoteca. Io sono lesbica, lavoro ed ho una vita normalissima.
E chi non condivide il mio modo di essere, si deve allontanare.

«Nella storia della musica moderna molte realtà musicali sono nate negli ambienti LGBT. Far parte di un mondo così disinibito ti porta a sperimentare più facilmente nuovi generi».Quest’ultima è una citazione estratta da una tua intervista uscita lo scorso Maggio su Billboard Italia.
Quali sono le realtà LGBT italiane in cui suoni maggiormente? Qual è l’atmosfera che si crea quando arrivi in consolle?  

Il Cassero di Bologna, locale in cui suono da 11 anni, ha visto nascere Mahmood, Myss Keta ed una marea di attori, dj e ballerini famosissimi. Il Tunga di Rimini è follia allo stato puro.
Solo per citarne un paio. Sono realtà nelle quali non c’è nessuna differenza sociale, sessuale o di genere. Ed inevitabilmente si respira aria di libertà a 360°, perchè tutti se ne fregano di qualsiasi cosa.

La scorsa estate e non solo, hai anche suonato in diverse località italiane in collaborazione con Radio Deejay per il Deejay Time.  Racconta brevemente com’è andata questa esperienza!
Ero la dj addetta agli open set del Deejay Time (Albertino, Molella, Fargetta e Prezioso).
Sono stata in tournè nelle piazze e nei festival più importanti di tutta Italia. Ogni sera avevo un pubblico che variava dalle 5000 alle 20000 persone. È stata l’esperienza più importante della mia vita. Rapportarmi quotidianamente a loro quattro e a tutto l’entourage di 2stars
(agenzia di Sergio Velludo con esperienza quarantennale) è stato impressionante.

Cosa ci si deve aspettare ad una serata con ospite Milla De La Soul?
Mentre ad un party con Le Strulle?
Il mio dj set va dalla tech – house alla goa. Nel senso che le basi delle canzoni che suono tendono ad essere molto internazionali, non è la solita dance italiana, anche se mi piace suonare i mash-up con i cantati in italiano. Con Le Strulle il dj set a volte dura anche quattro ore, quindi il range dei generi musicali è molto più ampio. In consolle siamo tre sceme, ci divertiamo molto insieme e col pubblico col quale cerchiamo di interagire più che possiamo.

Sorprenderai il tuo pubblico dedicandoti anche alla produzione di tuoi brani ufficiali? Durante i set suono sempre i miei edit e i miei mash-up.
Ma sto cucinando qualcosa di diverso dal solito.

Dove suonerai nelle prossime settimane? Cosa bolle in pentola per questo 2020?
Nelle prossime settimane continuerò la programmazione invernale delle Strulle che si svolgerà all’Altromondo Studios di Rimini con il Tunga, al Cassero di Bologna, all’Enjoy di Grosseto, al Piper di Verona e in tanti altri posti sparsi per la penisola.
Inoltre fino a Maggio sarò al Numa di Bologna con Like a Star, un talent con cui collaboro come coach e giudice.
Nel mio profilo instagram potete trovare gli aggiornamenti di tutto il 2020, probabilmente ci sarà anche una tournè all’estero.

Ciao Milla! Grazie per la chiacchierata e in bocca al lupo per questo nuovo anno!

Segui Milla De La Soul
INSTAGRAM

Il duo italiano T GUYS ospite su Wiki Mix

T Guys è un duo italiano nato nel 2017 con l’obiettivo di sviluppare ed espandere la passione per la musica EDM / Big Room & Electro House.
Dopo ore e ore trascorse in studio, nasce il loro primo singolo dal titolo “Origins” distribuito da “Alveda Music”, susseguito dal brano “Strike” sull’ etichetta discografica italiana “KingSide Records”, fondata da dj Mark Vox.
Grazie a questi primi singoli e al loro variegato dj set, sempre alternativo ed aggiornato, si fanno spazio nelle discoteche della loro zona, dal Sali & Tabacchi al Fuori Orario spalleggiando dj di fama internazionale come Gabry Ponte.
Successivamente, rilasciano un altro singolo dal titolo “T House” con sonorità Trap / Big Groove  su “Future Plan Sounds”, che riscuote parecchi supporti.
La vera svolta arriva con loro il primo remix di “All I Know” (by Exiled), firmato con “Reload Music” (Sony Music Italia), grazie al quale T Guys raggiungono il palco di uno dei più importanti festival europei: lo Spring Break ad Umag (Croazia).
Dopo varie esibizioni non perdono occasione di sfornare una uova “bomba” Big Room chiamata “Riot” su “Free Fall Music”, la label di dj D-Stroyer (artista brasiliano affermatosi per aver suonato svariate volte al Defqon.1 e molti altri festival internazionali.)
“Riot” viene suonata anche in Cina da D4nny K e altri artisti emergenti, ed è stata inserita nella playlist di “Ade 2019”.
Nel frattempo il duo viene ingaggiato dal Fisherman Talent Dj 2019, dove tra 300 artisti italiani arrivano alle semifinali, aprendo il concerto dei DJs From Mars all’ Ombelico (Latina).
Dopo un’ estate ricca di soddisfazioni e dopo svariate ore passate in studio, rilasciano un altro singolo dal titolo “No Sleep” sulla nota label latino-americana “Digital Empire”.
Grazie ai vari successi riscossi ad oggi, il duo viene invitato nel party ufficiale Bill Board Radio all’ ADE 2019 ad Amsterdam, organizzato dall’artista italiano Jean Marie.
Il duo recentemente ha esordito con il primo “Asia Tour” in Malesia, portando i loro dj set, l’esplosività e la loro energia da Kuala Lumpur (Main Room Club), fino a Malacca (Mixx Club) e ricevendo un enorme calore.
Tornati dal tour, inaugurano il 2020 suonando in una delle più importanti istituzioni mondiali di musica elettronica: Il Ministry Of Sound a Londra.
T GUYS sono al lavoro per l’uscita di nuovi singoli che presto avremo il piacere di ascoltare!

BUON ASCOLTO!

Segui T GUYS
FACEBOOK
INSTAGRAM
TWITTER

Dal 2012 in voga nei migliori club italiani – Intervista a EUGENIO COLOMBO

Settimana scorsa ho avuto il piacere di scambiare due chiacchiere con l’amatissimo Eugenio Colombo, dj/producer italiano che dall’anno scorso è entrato a far parte della famiglia Peter Pan (Riccione), Matis (Bologna) e Villa delle Rose (Misano Adriatico), ma non solo.
Dal 2012 ha fatto ballare tantissimi locali e festival italiani, con i suoi set coinvolgenti ed energici.
Abbiamo parlato del suo passato, presente e futuro artistico.
Buona lettura!

Ciao Eugenio! Quando hai intrapreso ufficialmente il tuo progetto artistico?
In che modo ti sei avvicinato al mondo della notte?

Ciao Andre! Il mio primo approccio con il mondo della notte è avvenuto all’età di dodici anni quando ho iniziato a suonare alle prime feste private e nei piccoli locali, per poi raggiungere successivamente le discoteche della mia città d’origine, Cremona.

La consolle è sempre stata una passione che hai coltivato sin da prima della tua passata partecipazione come tronista al programma televisivo Uomini e Donne? Qual era il tuo sogno sin da bambino?
Ho sempre amato la musica e la night life!
Prima della mia partecipazione a Uomini e Donne, come già accennato, ho intrapreso questa strada che poi grazie a all’esperienza televisiva mi ha dato l’opportunità di emergere maggiormente e suonare nelle più belle discoteche d’Italia e non solo.
Ma… da piccolo sognavo anche di diventare un calciatore, ho giocato nell’ U.S. Cremonese in Serie C2, ma purtroppo a causa di un infortunio ho dovuto bloccare il mio percorso.

Cosa ci si deve aspettare ad un party con ospite Eugenio Colombo?
Quali sono gli artisti e le influenze musicali che caratterizzano maggiormente i tuoi dj set?
Il mio obiettivo principale è di far divertire il pubblico in pista restando coerente con il mio genere musicale, principalmente house e commerciale .
Non ho degli artisti in particolare che mi influenzano musicalmente, ma resto aggiornato su quello che è il panorama musicale a 360°.

Dal 2012 hai fatto ballare tantissimi locali italiani e importanti festival.
Ne approfitto per farti i miei complimenti per il tuo umile percorso artistico.
Ricordi ancora la tua prima serata come guest?

Grazie mille!
Devo dirti che dal 2012 è una soddisfazione vedere  che le persone continuano ad apprezzarmi per quello che sono e che faccio musicalmente. Suonare nei club è fondamentale, ma essere richiamato più volte dagli stessi è ancora più importante.  Dall’anno scorso sono entrato a far parte della famiglia Peter Pan (Riccione), Matis (Bologna) e Villa delle Rose (Misano Adriatico) e per me è un grande onore, in quanto sono tra le più importanti realtà italiane.
Una tra le prime serate fuori dalla mia regione è avvenuta a Bari.
Un’emozione assurda di fronte a 2500 persone e una carica infinita soprattutto durante i primi tre/quattro dischi.

Dal 2016 hai pubblicato la tua prima “Summer Session Compilation”, hai lavorato con noti artisti della scena per la realizzazione di diversi singoli/bootleg/mash – up e dopo aver pubblicato il brano “El Tambor” con il producer Paolo M, siete tornati lo scorso ottobre sempre insieme con il singolo “Sleepless”. Com’è nata questa collaborazione?
Quali sono stati ad oggi i singoli che ti hanno fatto emergere maggiormente anche come produttore?
E’ stato molto appagante vedere la mia prima Compilation in vendita in tutti gli store italiani.
Tra le varie collaborazioni, risaltano quelle con PAOLO M. in quanto El Tambor e Sleeples ci stanno regalando ottimi risultati a livello internazionale.
PAOLO M. l’ho conosciuto tramite i social e ad oggi si è creato un bellissimo rapporto di amicizia, oltre che lavorativo.

Ogni tua serata si rivela un successo nei club e non solo!
In tutti questi anni nel mondo del djing ci sono stati molti cambiamenti e tanta “concorrenza” all’ordine del giorno.

Qual è l’elemento fondamentale che spinge il pubblico a seguirti e ad ascoltarti dal 2012?
Sono molto felice per questi risultati!
Penso che al giorno d’oggi i social aumentino la visibilità e se sfruttati al meglio, il pubblico percepisce ciò che realmente sei e soprattutto ha modo di seguirti costantemente in tutto quello che fai, supportandoti e interessandosi a tutto ciò che ne consegue.

Cosa bolle in pentola per il tuo 2020? Qualche anticipazione esclusiva?
E’ appena uscito il nuovo bootleg “I Love It Don’t Go“, in Free Download (a questo link) e in collaborazione con PAOLO M.  A breve ne pubblicheremo un altro e sto già lavorando ai prossimi singoli che usciranno in primavera ed estate 2020. Tenetevi pronti!

Prossime date in Italia?
01 FEBBRAIO  – TOUCH CLUB (SS)
07 FEBBRAIO  – PETER RICCIONE
08 FEBBRAIO – MATIS BOLOGNA
15 FEBBRAIO – MUCH MORE (MATELLICA)
29 FEBBRAIO – MATIS BOLOGNA
06 MARZO – PETER RICCIONE
14 MARZO – LIFE CLUB (BOLZANO)
22 MARZO – TREMENDA SALI E TABACCHI (RE)
27 MARZO – PETER RICCIONE
28 MARZO – MATIS BOLOGNA
18 APRILE – MATIS BOLOGNA

Il calendario è in continuo aggiornamento!

Segui EUGENIO COLOMBO
INSTAGRAM
FACEBOOK
SPOTIFY
www.eugeniocolombo.it

Andrea 20hz ospite su Wiki Mix

Andrea 20hz , artista del panorama musicale italiano che ha dedicato la propria vita alla club culture, facendo ballare l’Italia non solo come dj ma anche gestendo club e importanti party, assumendo la direzione di grandi discoteche come il Cocorico, Kinki Club, Contatto Selecta per citarne alcune, invitando a suonare per le primissime date grandi dj ’s come Steve Bug , Ricardo Villalobos , Onur Ozer , Stephan Bodzin , Marc Romboy , Deadmau5  e lavorando anche con molti altri.
“Gli artisti da proporre nei club , li ho sempre scelti guardando nella mia borsa dei dischi “

Intraprende la carriera da dj nel 1985 e cresce sin da piccolissimo immerso nella musica classica e jazz.  L’artista racconta che il compagno di sua  nonna,  era il direttore di tutti i teatri di Ravenna e promotore del Ravenna Festival insieme a Riccardo Muti, ed è una tra le persone più importanti per la sua formazione musicale , infatti è  dedicato proprio a  lui il prossimo Ep in uscita sull’etichetta P-Color Records.

 A quattordici anni inizia a frequentare i club della sua  zona, luoghi che ad oggi hanno poi avuto risonanza mondiale e un grandissimo impatto su di lui, tra cui : il Thriller  a Imola, la Melody Mecca a Rimini , lo Slego , il club dei Nove Nove e nell’ 89′ si trova nella serata di apertura del Cocorico , Cellophan, dove nota per la prima volta in Italia un giovane ragazzo di colore che suonava questa nuova musica house, Kerry Chandler,
Nel 99′, dopo anni di sperimentazione e gavetta nel mondo della musica e non solo, apre il suo  primo club che in verità era un museo di arte contemporanea, che di notte si trasformava in spazio culturale, con concerti, mostre, performance, musica live e dj set .
  Un locale definito dal noto esperto di locali Roberto Piccinelli come  uno dei più particolari  club d’Europa.
Da li in poi ,organizzare party  diventa una missione e lavoro per tutti gli anni 2000 dell’artista e nel 2015  sente l’esigenza di tornare  alle  sue origini proponendo musica come Dj.
Inoltre concretizza varie  produzioni, che usciranno nel prossimi mesi su P-Color Records  e in questo mixato, potrete ascoltare in anteprima “Vison” una delle quattro in programma nel 2020.

BUON ASCOLTO!

Segui 20hz
INSTAGRAM
FACEBOOK

Marnik ospiti su Wiki Mix

I fenomeni italiani, Marnik, hanno lasciato il segno come due dei talenti più promettenti nella scena odierna scalando rapidamente le classifiche Beatport, esibendosi in set elettrizzanti in tutto il mondo e guadagnando così il sostegno di icone della musica dance.
Emanuele e Alessandro, noti come Marnik, hanno veramente impressionato le masse con i loro distinti original; vantano melodie allettanti influenzate dalla trance progressive.

Hanno collaborato con Steve Aoki nella loro produzione “Supernova” insieme a Lil Jon.
La loro Hit ‘Bazaar’ con KSHMR ha raggiunto il Beatport Overall # 1 pubblicato dalla Spinnin ‘Records, un’importante label mondiale.
I Marnik hanno collaborato ancora una volta con KSHMR su “Mandala”, la quale ha raggiunto un altro Beatport # 1 come nuovo “Inno ufficiale Sunburn 2016” in cui il duo ha occupato il Mainstage di Pune. Il duo ha inoltre collaborato con Don Diablo per “Children Of A Miracle“,accumulando oltre 30 milioni di streams totali. Il loro primo singolo pop “Burn” è stato pubblicato su Astralwerks / Universal nel 2017.
La canzone ha già più di 12 milioni di plays su Spotify e ha ricevuto un massiccio supporto globale.
Marnik e Steve Aoki hanno rifatto la loro versione di “Bella Ciao” dal Money Heist di Netflix,  suonata a squarciagola nei più grandi festival musicali, raggiungendo 5 milioni di plays su Spotify.
Hanno rilasciato il loro inno ‘Gam Gam‘ via Spinnin ‘Records che ha ricevuto un massiccio supporto di airplays dalle più grandi radio europee come NRJ, Fun Radio, SiriusXM e altro. Oltre al successo come produttori, il progetto Marnik sta girando il mondo, arrivando a  Tomorrowland, Sunburn Music Festival, Nikki Beach Miami, Story Miami, Pacha Ibiza, Ushuaia Ibiza, Queen Paris, BCM Planet Dance Mallorca.
Tieni d’occhio i Marnik mentre continuano ad espandere il loro sound negli anni a venire!

BUON ASCOLTO!

Segui MARNIK
INSTAGRAM
FACEBOOK

Tutti gli episodi di Wiki Mix del 2019!

E’ giunto il momento di rivivere insieme tutti gli episodi di Wiki Mix usciti nell’arco del 2019 e per darvi l’appuntamento all’8 GENNAIO 2020 con il primo ospite dell’anno!

WIKI MIX SUMMER19

Nel 2019 hanno partecipato: Christian Birindelli, DJ Moiz, POLS, Mazay, MORGANJ, B2B, Stefano Reis, Djs From Mars, Andrew Sound, Fabio Angeli, Mark Noize, Jarrow, Massive Project, HAWK, UNEVEN, Emanuele Inglese, THE CUBE GUYS, Sunstars, DUAL BEAT, SALADORIGO, Etta Matters, Salento Guys, Känslor, Paolo M , VYBELL, Gregor Salto, Alex Pizzuti, Paul Jockey, Loris Crisante e Double Deejay.

Da Novembre WIKI MIX è ON AIR ogni ultimo sabato del mese su Radio Onda d’Urto nel programma di StefanoB che ringrazio!

Ego presenta “EGO 2020 – A Decade Of Music”

Ego è fiera di presentare ‘EGO 2020 – A Decade Of Music’, la nuovissima compilation nata per festeggiare 10 anni dei suoi più grandi successi composta da una selezione di 38 tracce che hanno ottenuto dischi di Platino e dischi d’Oro.


Da Alexandra Stan ‘Mr. Saxobeat’ a Serebro ‘Mama Lover’, da Klingande ‘Jubel’ Willy William ‘Ego’ proseguendo con la rapper colombiana Ana Tijoux con ‘1977’, Sofi Tukker ‘Drinkee’ e con la bellezza dominicana Jenn Morel e la sua ‘Pónteme’.
Da non dimenticare ZHU con ‘Faded’, ‘Nobody Does It Better’ di Michael Calfan e la bellissima ‘My Head Is A Jungle’ di Wankelmut & Emma Louise per concludere con le nostre ultime uscite ‘Tiger’ di Spada & Prezioso e ‘Giulia’ di Prince Paris featuring Il Pagante.

Questa compilation scuoterà sicuramente le vostre vacanze assieme alla nostra miglior musica dell’ultimo decennio.

Segui le news di EGO
FACEBOOK
INSTAGRAM
www.egomusic.net

Double Deejay ospite su Wiki Mix

Filippo Boschin a.k.a. Double Deejay è un dj/producer italiano che nel 2001 decide di diffondere il suo stile musicale in Italia, un paese che predilige altre sonorità.
La cultura musicale e la continua dedizione hanno oggi portato Double Deejay a creare una storia musicale che riesce ad avvicinare la sua musica al grande pubblico e nei migliori club italiani e non solo.
Nella sua carriera ha condiviso la consolle con artisti del calibro di Lil John, Fat Joe, Mario, David Banner, Ying Yang Twins, Mike Jones , Lil Flip, Lil Scrappy, Noyz Narcos, Tormento, Metal Carter, T Pain, Club Dogo e Jay Santos per citarne alcuni.

BUON ASCOLTO!

Segui Double Deejay
FACEBOOK
INSTAGRAM